Press Coverage & Publications

Al Museo Casa Galimberti di Cuneo inaugurata la mostra “Luoghi e Tempi della Resistenza”

Apr, 2019

Tema dell’esposizione la Resistenza, ripercorsa nei luoghi, nei volti e nei tempi, con particolare attenzione alla dimensione locale cuneese.

Cuneo. Venerdì 12 aprile scorso, presso il Museo Casa Galimberti, è stata inaugurata, alla presenza Cristina Clerico e Franca Giordano e di un nutrito pubblico, la mostra “Luoghi e Tempi della Resistenza”. Tema dell’esposizione la Resistenza, ripercorsa nei luoghi, nei volti e nei tempi, con particolare attenzione alla dimensione locale cuneese, attraverso le opere del giovane studente Marco Grasso, corredate dai testi curati da Leonardo Dolce.
Ritroviamo quindi, ritratti di uomini e donne che hanno vissuto in prima persona la lotta di liberazione, come Galimberti e Revelli, ma anche persone che nel tempo hanno teorizzato ed incarnato i valori della Resistenza, come Albert Camus.
Un altro grande protagonista della mostra è la montagna, per eccellenza il luogo dei partigiani, nella sua interezza: luoghi, flora e fauna.

 

“La Resistenza è qui raccontata attraverso i vostri occhi che guardano al futuro, riflettendo sul passato. È un passaggio di testimone di cui vi siamo grati, come città e personalmente. Grazie per la luce positiva che, con voi, illumina il presente” le parole delle Assessore Clerico e Giordano.

+ Read more

"Luoghi e tempi della Resistenza", mostra di Marco Grasso e Leonardo Dolce

Apr, 2019

A Casa Museo Galimberti da venerdì 12 aprile e resterà aperta fino al 19 maggio, negli orari di apertura al pubblico o su prenotazione.

Luoghi e tempi della Resistenza: questo è il titolo della mostra che il Museo Casa Galimberti di Cuneo inaugurerà venerdì 12 aprile 2019, alle ore 17,30, con l’esposizione di opere pittoriche del giovane cuneese Marco Grasso, in collaborazione con Leonardo Dolce.

L’iniziativa si prefigge di far rivivere nei quadri alcuni segmenti della Resistenza osservandola nella sua interezza, contestualizzandola dunque nei luoghi, nei volti e nei tempi, sempre con grande attenzione alla dimensione locale cuneese. 

Ritroviamo ritratti di uomini e donne che hanno vissuto in prima persona la lotta di liberazione, come Galimberti e Revelli, ma anche persone che nel tempo hanno teorizzato ed incarnato i valori della Resistenza, come Albert Camus. 

Un altro grande protagonista della mostra è la montagna, per eccellenza il luogo dei partigiani, nella sua interezza: luoghi, flora e fauna. 

Marco Grasso, classe 2000, è uno studente del Liceo “Peano-Pellico”.

Da sempre appassionato di arte e natura, dipinge principalmente soggetti naturalistici.

A seguito di un corso di disegno tenuto nel 2013 dalla pittrice naturalistica cuneese Tiziana Lerda, ha continuato a coltivare la sua passione, accostandola all’osservazione del mondo naturale e all’approfondimento di temi di interesse storico.

Nel 2016 ha partecipato al Concorso nazionale di disegno e illustrazione “Disegna la Natura”, indetto dalla rivista Oasis, classificandosi tra i finalisti.

È socio dell’Aipan (Associazione Italiana per l’Arte Naturalistica) e dell’Associazione Culturale “La bellezza nascosta nel vero” per l’Arte Botanica e Faunistica.

Cura un sito web personale aggiornato con gli ultimi lavori ed eventi: marcograssoart.com.

La mostra si protrarrà fino al 19 maggio, negli orari di apertura al pubblico del Museo o su prenotazione.

+ Read more

A Casa Galimberti si rivive la Resistenza con i quadri di uno studente cuneese

Apr, 2019

"Luoghi e tempi della Resistenza", questo è il titolo della mostra che il Museo Casa Galimberti di Cuneo inaugurerà il 12 aprile con l’esposizione di opere pittoriche del giovane studente cuneese Marco Grasso, in collaborazione con Leonardo Dolce.

L’iniziativa si prefigge di far rivivere nei quadri alcuni segmenti della Resistenza osservandola nella sua interezza, contestualizzandola dunque nei luoghi, nei volti e nei tempi, sempre con grande attenzione alla dimensione locale cuneese.

Ritroviamo quindi ritratti di uomini e donne che hanno vissuto in prima persona questo momento storico cruciale, come Duccio Galimberti e Beppe Fenoglio, ma anche ritratti di persone che nel tempo hanno teorizzato ed incarnato i valori della Resistenza, come Albert Camus.

Uno spazio significativo è dedicato agli eventi e ai topoi storici del Secondo Risorgimento italiano: l’incendio e l’eccidio di Boves, le staffette partigiane e gli antifascisti vittoriosi.

Non possono poi mancare i luoghi: Cuneo, gli scontri armati nei nostri borghi montani e infine le nostre montagne, centro pulsante della Resistenza, con la loro flora e fauna.

Come racconta Marco Grasso, il giovane artista diciottenne studente del Liceo “Peano-Pellico”, «l’idea di una mostra così strutturata è nata oltre che dal mio interesse personale in questo periodo storico così denso e cruciale per la nostra Repubblica, anche e soprattutto dopo la lettura della prefazione de Il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino, in cui si legge: «Avevo un paesaggio. Ma per poterlo rappresentare occorreva che esso diventasse secondario rispetto a qualcos'altro: a delle persone, a delle storie. La Resistenza rappresentò la fusione tra paesaggio e persone.”; così è dunque nata l’idea di una mostra che non esibisse le solite stragi ma che si soffermasse anche sulla cornice, sullo sfondo che accompagnò i nostri partigiani».

Ogni opera è pensata in correlazione ad un pannello espositivo dove viene contestualizzata nel periodo storico e in cui largo spazio viene dato anche al dato simbolico, così da permettere uno sguardo più profondo e interessato nei confronti delle opere stesse. 

+ Read more

LUOGHI E TEMPI DELLA RESISTENZA

Apr, 2019

"Luoghi e tempi della resistenza" inaugura venerdì 12 aprile presso il Museo Casa Galimberti di Cuneo. Si tratta di una mostrea con l’esposizione di opere pittoriche del giovane studente cuneese Marco Grasso, in collaborazione con Leonardo Dolce. 
L’iniziativa vuole far rivivere nei quadri alcuni segmenti della Resistenza osservandola nella sua interezza, contestualizzandola dunque nei luoghi, nei volti e nei tempi, sempre con grande attenzione alla dimensione locale cuneese.

+ Read more